Collezione Pinault – Venezia

Tags

, , , , , ,

Collezione PinaultUn invito insolito, quanto inaspettato mi porta a Venezia. E così parto alla scoperta della Collezione Pinault a me finora sconosciuta. L’arte mi ha lambito e non posso certo dire di conoscerla, ma credo la si possa capire e fare propria, se spinti dalla curiosità di scoprire nuove nozioni. E se poi hai una guida a disposizione che ti racconta i particolari, gli aneddoti e le curiosità di ciò che ti trovi di fronte, chi non ne Continue reading

approfitterebbe?

Raggiungo Palazzo Grassi in una calda giornata di fine maggio confondendomi piacevolmente tra i turisti, quasi trasformandomi in una di loro. Ed ancora una volta mi ritrovo con gli occhi inebriati di gioia a scrutare la mia Venezia con il suo fascino incantatore, mentre il vaporetto scivola un po’ turbolento lungo il Canal Grande.

La Collezione Pinault espone a Palazzo Grassi e Punta della Dogana le opere delle proprie collezioni affinché tutti possano fruire dell’arte più singolare. SIGMAR POLKE mi viene presentato da Giulia Granzotto come un artista eclettico, per il quale tutto è importante e l’errore non esiste. Se qualcosa accade, ha una ragione retrostante d’essere e perciò non rimuove la mosca incautamente resasi parte del suo quadro STRAHLEN SEHEN o la graffetta caduta da una mano sbadata ed incastonatasi nel LEONARDO.

Le prime opere quasi non le noto, se non fosse Giulia a sottolinearle e a farne risaltare l’anticonformismo dell’artista di Duesseldorf. E così Polke rapisce la mia attenzione passo dopo passo alimentando piacevolmente la curiosità di scoprire la collezione. E’ la sua capacità anacronistica di attirare a sé il visitatore con tecniche anti-convezionali, con tematiche singolari, quasi in un’atipicità comune espressa nella sua totalità nell’opera POLICE PIG – realizzato per il Padiglione Tedesco della Biennale di Venezia nel 1986, quando vinse il Leone d’Oro. Polke con la tecnica a puntini ci propone un doganiere, che toglie il cappello e, con gesto quasi profanatore, lo appoggia sulla testa del maiale anti-droga. Non è certo compito mio raccontarvi le opere, ma due si sono fissate maggiormente nella mia mente. La fuga dalla Germania dell’Est con FLUECHTENDE, con due persone che prendono immaginariamente vita grazie alla nostra presenza. E INDIANER MIT ADLER che va a contrapporsi alla pop-art americana mettendo in evidenza la storia degli indiani d’america.

L’affascinante viaggio con Sigmar Polke giunge al termine e in pochi minuti raggiungo Punta della Dogana per immergermi in ACCROCHAGE. Lo sguardo viene rapito dall’edificio con un restauro seguito dall’architetto Tadao Ando terminato nel 2009. Un sinuoso equilibrio tra travi lignee antiche, cemento armato e vetro si trasformano in una cornice splendida dove 80 opere mai esposte prima di 21 nuovi artisti trovano la loro collocazione ideale. Il tren d’union tra tutte le opere è la non ricerca di un tema, del vuoto e di un gesto minimale.

Sigmar Polke è in esposizione a Palazzo Grassi fino al 6 novembre 2016 con visite guidate gratuite in italiano ogni sabato alle ore 15:00, mentre Accrochage prosegue fino al 20 novembre 2016 con visite guidate gratuite ogni sabato alle 16:30.

This slideshow requires JavaScript.

This slideshow requires JavaScript.


-- Download Collezione Pinault - Venezia as PDF --


Image

INTERNATIONAL JAZZ DAY – Villa Emo

Tags

, , , ,

In 195 Paesi del mondo il 30 aprile 2016 si festeggia l’International Jazz Day. In Italia 20 regioni, oltre 25 eventi su tutto il territorio nazionale. Per la prima volta un unico sound unisce l’Italia nel nome del Jazz!
I Comitati regionali di ‪#‎UNESCOgiovani‬ promuovono iniziative in tutta Italia. La meravigliosa cornice di Villa Emo, villa palladiana e sito UNESCO dal 1996, ospita una serie di eventi tra musica, cultura artistica ed eno-gastronomica.

“Jazz is a spirit, a free spirit, a freedom through music and life. Let’s not be afraid to celebrate the freedom of the unknown”

International Jazz Day


-- Download INTERNATIONAL JAZZ DAY - Villa Emo as PDF --


La Butto In Vacca – Running Friends

Tags

, , ,

La Butto In Vacca

credits la butto in vacca

IT | Treviso non è solamente sinonimo ville venete da visitare, opere d’arte da ammirare o prelibatezze da gustare, ma anche di singolari stranezze da condividere come LA BUTTO IN VACCA Running Friends.
La Marca offre diverse opportunità con la bella stagione di ammirare i suoi luoghi calmi ed incantati, dove poter riempirsi gli occhi di bellezza all’aria aperta. Di certo le Continue reading

occasioni non mancano con gare podistiche tra castelli e filari, lungo i fiumi o a tappe tra cantine spesso associate a degustazioni. E proprio nella “Marca Gioiosa et Amorosa” dove impera il “buon vivere” nasce un gruppo podistico originale sia nel nome che nella divisa. “La Butto In Vacca” è uno stile tutto diverso di vivere lo sport e l’amicizia, correre sempre ed andare avanti, oltrepassando gli ostacoli assieme alle persone che con noi condividono questa esperienza. Quasi una sfida con noi stessi nel cercare di raggiungere l’obiettivo che “La Butto In Vacca” ci prefigge, provando ad andare oltre i nostri limiti aiutandoci vicendevolmente, ma sempre con il sorriso sulle labbra.

LBIV è una delle caratteristiche più originali e positive di Treviso, la cui particolarità più evidente è la divisa “pezzata”. E non poteva essere altrimenti, visto il nome scelto e soprattutto l’appellativo dato agli eventi – MOOHRUN.
Riconoscere la gang pezzata è facile con la divisa realizzata in bio-ceramic per protezione dai raggi UV-A e UV-B, abbinata ad una stampa a sublimazione tessile per non perdere il colore e il motivo che li caratterizza.
E perchè non provate a far parte del folto gruppo di partecipanti “pezzati”?!

Una mandria divertente di “MoohRunners” invade le strade ormai non più solo di Treviso, ma questi runners spassosi si spingono oltre provincia. La MOOHRUN FLOWERS EDITION è il prossimo appuntamento in programma per sabato 9 luglio, in quello che nel 2013 ricevette il titolo di “Parco più bello d’Italia”, Parco Sigurtà a Valeggio sul Mincio (VR), dove un’esplosione di fiori, colori e profumi faranno da cornice ad un evento unico nel suo genere. Il percorso, non ancora definito, non supererà i 10km e noi parteciperemo per la prima volta. Voi ci sarete? Le iscrizioni sono già aperte!

“If you want to go fast go alone, if you want to go far go together” motto by La Butto In Vacca

EN | Treviso is not only synonymous with Venetian villas to visit, works of art to be admired or delicacies to be tasted, but also unique strangeness to be shared as LA BUTTO IN VACCA Running Friends.
The Marca offers several opportunities during the warm season to enjoy its calm and enchanted places. Where your senses will be amazed and your eyes will be filled with beauty. Certainly, opportunities are not lacking: running races among castles and vineyards, along rivers often accompained with food or wine-tastings. And right in the “Marca Gioiosa et Amorosa” where reigns the “good life & humor” is born an original runner-group either in their name or in their uniform. “LA BUTTO IN VACCA” embraces a different way of experiencing sport and friendship. Keep on running and moving forward, going over obstacles together with people sharing the same experience. This means challenging ourselves by trying to achieve the goal set by LBIV: pushing our limits and helping one another always with a smile.

LBIV is one of the most original and positive features of Treviso,easily recognizable by its “spotted”uniform. It couldn’t be other than that, considering the chosen name and especially the nickname given to the events – MOOHRUN.
Noticing the “spotted gang” is pretty easy with their uniform made of bio-ceramic technology to protect against UV-A and UV-B. Combined to a textile sublimation printing which prevent any color fading.
Would you then be part of the large group “spotted runners”?!

A herd of funny “MoohRunners” has been lately invading the streets of Treviso and beyond going over our province’s boundries. In fact the MOOHRUN FLOWERS EDITION is the next event scheduled on Saturday, July 9th. In a place awarded with the title of “Italy’s Most Beautiful Park” Parco della Sigurtà in Valeggio sul Mincio (Verona). Where an explosion of flowers, colors and fragrances will be the backdrop to a unique event of its kind. The path, not yet defined, will not be longer than 10km and I will participate for the first time. Will you join us? Come on, the subscriptions are already on!


-- Download La Butto In Vacca - Running Friends as PDF --


Greenway del Sile

Tags

, , ,

greenway del sile

greenway del sile

IT | GreenWay del Sile è il percorso naturalistico pedonale e ciclabile che da “Torre del Caigo” a Jesolo risale lungo il corso del fiume Sile per 55km attraverso la Restera raggiungendo Treviso città.

Greenway del Sile non è un semplice itinerario, ma una via privilegiata per scoprire e valorizzare le bellezze nascoste del nostro territorio, in modo responsabile e rispettoso dell’ambiente. Lasciatevi condurre dai vostri sensi alla scoperta delle meraviglie che Continue reading

incorniciano il lento fluire del fiume, assistendo allo spettacolo della natura. Correndo lungo il sentiero ci si riempie gli occhi di ville venete, che maestose si specchiano nella placide acque del Sile. Cogliendo scorci, profumi e silenzi, che solo un  trail armoniosamente inserito nella campagna veneta può offrire. Mantenendo costantemente uno stretto legame tra natura, storia e leggenda.

Da Jesolo (Torre del Caigo) toccando Caposile, Portegrandi, Quarto d’Altino, Musestre, Casale sul Sile, Casier, Silea si arriva a Treviso. Lo scorso 22 novembre 2015 una corsa non competitiva ha inaugurato il percorso con due punti di partenza: 55km da Jesolo e 27km da Musestre. Noi abbiamo scelto il percorso più breve di 27km, lungo il quale abbiamo messo a dura prova le nostre capacità fisiche, ma la voglia di scoprire noi stessi attraverso le nostre terre ci ha fatto permesso di immergerci in un’esperienza straordinaria. In bici, a piedi o di corsa scegliete il modo che più vi si addice e seguite il lento scorrere del Sile tra aironi e ville storiche.

****

EN | Greenway del Sile is a pedestrian and bicycle path from “Tower of caigo” in Jesolo up along the river Sile for 55km through the Restera reaching Treviso.

Greenway del Sile is the best way to discover hidden beauties of our territory in a responsible and environmentally friendly way. Be led by your senses to enjoy the wonders that the river flows along. Admiring the spectacle of nature. Running in the path your eyes will be filled with beautiful sights from all sides. Reflecting in the Siles’ waters are a number of magnificent Venetian villas. Sights, scents and silence, an harmonious setting of the gentle Venetian countryside.

From Jesolo (Torre del Caigo) through Caposile, Portegrandi, Quarto d’Altino, Musestre, Casale sul Sile, Casier, Silea arriving in Treviso. On November 22nd, 2015 we joined a non-competitive run race along the path as official opening. We put a strain on our physical capacities, but it turned into an extraordinary experience. Walking, running or  cycling pick what suits you best to enjoy the Greenway del Sile.

greenway del sile

photo by greenway del sile


-- Download Greenway del Sile as PDF --


Villa Eleiva Umbria – English

Tags

, , , ,

umbria

#Oliamo Villa Eleiva – Umbria

The serene twilight of autumn has veiled the landscape. I picture it with hills of olive groves and punctuated here and there by small old town. Villa Eleiva welcomes us with a warm, crackling fire and by Daniela and Massimo, Graziella and Franco. We have a first taste of Umbria with courses prepared by Graziella, where olive oil is the protagonist, and lots of chatting. Continue reading

Villa Eleiva promotes a new way of vacation: Glamping. A kind of tourism based on the African safari. But instead of the “game hunting” a genuine “food hunting” experience. Small and cosy lodges hidden among olive groves makes you feel part of the nature. When opening the doors in the morning you are greeted by the silvery leaves of the old olive grooves. Feeling that you are part of it.

In the morning starts with handmade delicious jams and tasty biscuits. Then we drive through the rolling hills to Melezzole, where we join an ecological walk through chestnut woods. This small medieval town houses the XXIX edition of the Chestnut Fair, therefore we stop by for lunch and taste the specialties made with chestnuts.

Civitella del Lago, once know as De ‘Pazzi, lays on a hill overlooking the magnificent Lake of Corbara. The warm autumn sun shines even more over it, emphasizing the beauty of its buildings. Walking through the winding alleys I immediately notice the kindness of the locals. Everybody greets you, even though you’ve never seen them before. They just open the doors of the little masterpiece, where they live in. For some years, on August 10th that has been taking place of the candles festival. Close your eyes and imagine a small medieval town lighted up by the warm glow of flickering lights. The Ovo Pinto Museum organize an annual egg decorating contest, whose fame has spread far beyond national borders.

Our last stop is at the Frantoio Ricci, where Cesare tells us the importance of the genuine Italian olive oil. Its protection and the conscious choice of each us, when buying a bottle of extra virgin olive oil.
The real Italian olive oil is at risk and the Associazione Ulivolio strives to save the plants to ensure a product that is pure Italian extra virgin olive oil.

The warm light of the sun gives way to flickering stars, when we return to Villa Eleiva. Ready to face a cooking contest. That’s right, we have to handmake “Priest’s tortello”. Despite being unconfident about my cook skills, the outcome was almost superb. And the evening goes on with cheese tastings, grilled eggplants, olive oil and biscuits.

Just after breakfast we explore Montecchio which has stood in front of us for the previous two days. Being pampered by the kindness of the people, I wander around the town with big childlike eyes full of curiosity. My Umbrian adventure comes to an end, I can still grab some notions by Massimo on the olive harvesting and heading off home with a couple of extra virgin olive oil bottles and jams.

Villa Eleiva has been introducing a new way of tourism: the glamping. However supporting the preservation of the genuine Italian extra virgin olive oil through the Association Ulivolio.

Thanks to Umbria, thanks to Cristiana – Viaggevolmente – for organizing it all. Thanks to Villa Eleiva for this awesome experience. And all the girls that joined the blogtour: Vagabondamente, MangiaViaggiaAma, My Corner Of Italy, Blog di Padova, Tintipatravels, Via Col Viaggio, I Viaggi del Taccuino, Parliamo Di Viaggi, Smart Traveller, Trip Village, Fraintesa.


-- Download Villa Eleiva Umbria - English as PDF --


Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers: