The Wreck of the Unbelievable – Damien Hirst

Damien Hirst
Damien Hirst

Ne ho sentito parlare molto della mostra “The Wreck of the Unbelievable” di Damien Hirst per l’imponenza delle opere in mostra a Venezia presso Palazzo Grassi e Punta della Dogana in esposizione fino al 3 dicembre 2017.

Non vi nascondo che non conoscevo l’artista prima che Giulia me lo menzionasse. Così ho fatto alcune piccole ricerche per prepararmi all’avventura. Innanzitutto è ancora vivo, è britannico e da non molti anni è salito alla ribalta della cronaca come capofila della YBA. Sembra un tipo un po’ anticonvenzionale dalle prime veloci letture tanto che nel 2008 mette all’asta le proprie opere da Sotheby’s, scardinando ogni forma di mediazione artistica.
Continue reading…    

Mi raccomando, tenete ben a mente che queste opere sono creazioni dell’ingegno ed eccentricità dell’artista, non crediate che siano state ritrovate nei fondali e riportate sulla terra tutte colorate e piene di coralli, magari con sembianze dei divi di Hollywood. Un sorriso mi è scappato nel sentire un visitatore esclamare, un po’ basito “Ma sono opere false”, eh beh nel periodo romano Amotan come non avrebbe potuto avere Topolino tra i suoi tesori, giusto?!

Ma quindi vi chiederete che origine abbiano queste opere: Damien Hirst creò un racconto fantastico sul ritrovamento al largo delle coste africane del relitto di una nave, che pare trasportasse il tesoro di Amotan. Amotan, uno schiavo turco a Roma, il quale riuscì ad accumulare una grande ricchezza e nel trasbordo di tali tesori verso la terra d’origine, la Apistos (che appunto significa Incredibile/Unbelievable), la nave su cui furono caricati, affondò. Dal ritrovamento Hirst creò un racconto fantastico, simulando il ritrovamento di opere che ripercorrono l’iconografia classica e contemporanea, dagli egizi alle star hollywoodiane. E così vedrete busti di donna con i tratti di Kate Moss, Topolino ricoperto da coralli ecc.

Ed è proprio l’irreale che si trasforma in reale ad impressionare, a farci chiedere “Perché?”. Non c’è un perché secondo me, ma è solo un’interpretazione, un liberare la fantasia e lasciarci trasportare dalle opere dell’artista. E qui vi suggerisco spassionatamente di seguire le visite guidate, altrimenti perderete ben più della metà delle nozioni ed aneddoti.

Ogni sabato pomeriggio le visite guidate gratuite iniziano alle 15:00 da Punta della Dogana – uno spazio totalmente ristrutturato da Tadao Ando nel 2009 con spazi che permettono l’esposizione delle imponenti opere di Hirst, mentre alle 17:00 ci si sposta a Palazzo Grassi.

 

Damien Hirst
Damien Hirst
Damien Hirst
Damien Hirst
Damien Hirst
Damien Hirst
Damien Hirst
Damien Hirst
Damien Hirst
Damien Hirst
Damien Hirst
Damien Hirst
Damien Hirst
Damien Hirst
Damien Hirst
Damien Hirst

-- Download The Wreck of the Unbelievable - Damien Hirst as PDF --


Milan Something Different – with Doingitaly

 

doingitaly
thea by #doingitaly

Doingitaly Blogtour holds the determination and positivity of its creator: Thea Duncan. Doingitaly takes me back for a 2-day tour to exploring the most unique spots in the most efficient Italian city: Milan.

echo hotel milan
echo hotel milan

The meeting point is the Eco Hotel, where we overnight. An Hotel chain focusing on comfort and sustainability where you can experience the authentic Italian hospitality. The staying, even though for a night, was a real pleasure. It is literally right outside the Stazione Centrale in Milan, easy to find and extremely comfortable and relaxing.Continue reading…    

antica barberia colla
antica barberia colla

We head to an old barber shop Antica Barbieria Colla established in 1904, an old fashion shop that offers men a place to treat themselves to a little pampering. Right in the shop you feel like you are back in the times, I cannot really explain why, but if I was a man, I would have stopped to have my beard done.

high line
high line

Around 1pm when we sneak up the stairs to enjoy the milanese Highline Galleria, walking like a cat on the city’s roofs with a stunning view over the Duomo. Right on top of the high line you can have breakfast, picnic lunch or even watching a movie when the daylight goes away. I really recommend the picnic lunch: delicious and served in a lovely basket, then the sight you can enjoy is terrific.

pasticceria marchesi
pasticceria marchesi

For a real Italian experience you need a good coffee after a meal, so in Galleria Vittorio Emanuele we head to Pasticceria Marchesi since 1824, one of the oldest pastry shop in town. Here tradition and creativity melt just like their pastries in your mouth. Believe me, don’t miss this place.

casa museo Boschi Di Stefano
casa museo Boschi Di Stefano

Now we are all ready to face the afternoon and to be amazed by the House Museum Boschi-Di Stefano. Free admission to admire contemporary work of arts by Sironi, Fontana, Morandi, De Chirico and I bump into a statue by Arturo Martini, a piece of Treviso right in Milan. Music events are held from time to time in the house museum in order to recreate the atmosphere lived in the house by the couple.

After listening to some good music we have to live the house museum. Browsing around Milan we bump into Villa Invernizzi, where a bunch flamingos are there screaming and fighting just like in the Venetian lagoon. Milan city centre is not really the place I would have expected to see them.

Veronica
Veronica

Now it’s time to meet Veronica. A lovely beautiful lady which makes us feel like home, an amazing home actually. Veronica entertains us describing her passion for art which started basically when she was 4. Now she draws and creates jewellery inspired by animals and every single piece is unique. You can get in touch with her by Instagram: @veronica_lenza_linneo

JarIt
JarIt

We are almost smelling the dinner in the air and we are on our way to Jarit. The name says it all, you eat in a glass jar. And I promise you, the food is delicious. Food is cooked at low temperature and you just need to warm it and it’s done. Also you can get it to take away, perfect solution for those who do not have time to invest in cooking such as myself!
Well, we paired the food with Prosecco by Perlage Winery, vegan & organic wine. My favorite.

The second Doingitaly day starts with a sweet awakening: coffee aroma, pastries, bread… breakfast at Echo Hotel is delicious. But what caught my eye at first is the offer of seeds, nuts, dry fruits to add to the yoghurt and also the selection of croissants with or without filling is something not to forget. Once recharged our “battery” we are ready to explore some other hidden spots in Milan.
At Chiesa di San Maurizio al Monastero Maggiore, Giacomo our daily guide takes us to admire the so called “Cappella Sistina” in Milan. It was founded on ancient roman edificies and its construction dates back to 16th century. The beauty of this church takes my breath away.

After the Monastero I discovered that in Milan there was a Roman settlement and still some ruins are visible. Did you know that? I didn’t! We broswe among elegant palazzi in Magenta area, take a look at the window of the very first seat of Pasticceria Marchesi 1824. We bump into a FIAT 5000 car parade. I suppose this was planned by Thea Duncan too 🙂
I love to find stories like these about places I visit, because they become more unique and real, adding a touch of magic.

casa museo Bagatti Valsecchi
casa museo Bagatti Valsecchi

It’s almost lunch time so we head to Castello Sforzesco, not as bad location at all. We take advantage of this break to cool down while having light and tasty food at Calicantus. Last stop in our line up of our incredible trip around Milan is the Museo Bagatti Valsecchi and we are involved in a scavenger hunt. Split in team of 2 people, we have to shot and post in our social media as much details as possible. Not saying that I was not part of the group who won.

To me the entire experience was awesome, I will definitely advise to get to know the city of Milan with doingitaly, becasue you’ll be led to places you would otherwise miss or you learn stories you would never listent to. After these 2 day tour I have the feeling I had the chance to see an authentic Milan and I am plannig to come back soon. If you are planning a visit to Milan, just get in touch with Thea, she is the one that can turn your trip into a unique experience.


-- Download Milan Something Different - with Doingitaly as PDF --


Badoere, la Barchessa, le Sorgenti del Sile e l’Asparago IGP

Badoere asparagi IGP
Badoere asparagi IGP

Prendi la bici e va. Chi non accetterebbe una proposta del genere? Chi non vorrebbe scoprire le tipicità di un territorio, partendo dalla sua storia strettamente legata alle vicende della Serenissima, dalle sue sorgenti che generano il Sile, dai suoi germogli che creano l’asparago. Noto per la barchessa a forma semicircolare, Badoere è uno dei borghi più affascinanti e caratteristici del Veneto.
41 botteghe di artigiani e mercanti disposte lungo le 41 arcate della barchessa, dove nel 1689 tra astuzia e inganno il nobile Angelo Badoer ottene l’autorizzazione dalla Serenissima per il mercato del lunedì.Continue reading…    

E quindi in sella alle bici si parte verso le sorgenti del Sile, scivolando lungo un dedalo di sentieri e costeggiando polle d’acqua gorgogliante scopriamo i Fontanassi. L’area protetta del Parco Regionale del Sile segue tutto il percorso del fiume di sorgente più lungo d’Europa fino a sfociare nell’Adriatico. Acque calme, tiepide e cristalline, incorniciate da una vegetazione rigogliosa, forgiano un paesaggio fiabesco. Tra campi di colza e pioppetti, tra canali e mulini in una campagna carica di vita si scorgono lepri che solcano piccoli sentieri e fagiani incuranti della nostra presenza. Un’oasi di pace, discostata dal brusìo della vita quotidiana dove farsi rapire dal profumo inebriante dei fiori selvatici. Tra nozioni e curiosità storiche, realizzo ben presto quanto spesso ignoriamo ciò che ci circonda.

Ma l’obiettivo principale della nostra escursione è conoscere da vicino l’asparago bianco e verde IGP di Badoere. E quale modo migliore se non partire da come viene servito? Risotto e fonduta con varietà sia verdi, che bianche hanno trovato l’entusiasmo dei commensali. Arrivati alla 50^ edizione la Festa dell’Asparago Bianco e Verde IGP di Badoere è organizzata da volontari, i quali antepongono la passione per la propria terra, l’amore per la propria tradizione agli sforzi e difficoltà che incontrano durante la realizzazione. Un amore per il territorio che si esprime nella dedizione ad un evento che per due settimane celebra la bontà dei turioni bianche e verdi, con un diverse attività correlate.

Ma scoprire come vengono coltivati gli asparagi, le cure necessarie, le tecniche adottate e prima che arrivino sul banco dei mercati ce le svela Aronne Basso. Un’azienda agricola famigliare che produce solo asparagi, bianchi e verdi, rigorosamente IGP. Una passione nata dal papà, un pioniere che ebbe la lungimiranza di introdurre anche l’asparago verde nella coltivazione di Badoere. E scopro che i maggiori produttori di asparagi sono i tedeschi, con mezzi all’avanguardia, ma con una resa molto inferiore rispetto ai nostri produttori italiani. Una notizia parecchio curiosa a mio avviso. Sapete anche che l’asparago bianco o verde sono prodotti dalla stessa pianta? Il primo viene tenuto al coperto da un telo nero al fine di avitare il processo di fotosintesi, mentre il verde che si innalza verso la luce del sole avvia il processo di pigmentazione prendendo il suo colore distintivo verde.
Un mio suggerimento? Provate ad assaggiarli crudi, sono buonissimi.

Un itinerario del gusto e della tradizione, Badoere diventa un borgo da visitare in qualsiasi momento dell’anno per l’offerta culturale, gastronomica e paesaggistica.


-- Download Badoere, la Barchessa, le Sorgenti del Sile e l'Asparago IGP as PDF --


Treviso Suona Jazz

Treviso Suona Jazz
Treviso Suona Jazz

Treviso Suona Jazz è pronto a portare in città 100 artisti per 7 giorni di eventi.

Dal 24 al 31 maggio il Jazz rieccheggerà tra le vie di Treviso. Il festival ideato dall’ associazione Urbano Contemporaneo con direzione artistica di Nicola Bortolanza, offre un ricco programma di artisti con spettacoli all’aperto e al chiuso, lungo un percorso che abbina musica ricercata a luoghi di interesse storico ed artistico.
Big Band di Conservatori italiani, artisti italiani premiati Top Jazz, due workshop, una conferenza e una serie di appuntamenti nei locali del centro con musicisti del territorio.
Tra gli artisti in cartellone ricordiamo il concerto d’apertura mercoledì 24 maggio a Palazzo Giacomelli, con Enrico Pieranunzi, un nome di livello internazionale, e il talentuoso chitarrista trevigiano Federico Casagrande, da anni residente in Francia. A seguire venerdì 26 maggio a Palazzo Da Borso sarà il turno di un concerto in solo a cura di Simone Zanchini, uno dei più interessanti e innovativi fisarmonicisti del panorama internazionale.Continue reading…    

Sabato 27 e domenica 28 maggio arriveranno i concerti gratuiti con tre Big Band in loggia dei Cavalieri, o Auditorium Stefanini in caso di maltempo, e i workshop a palazzo Da Borso.
Martedì 30 maggio il festival toccherà Palazzo Cà dei Ricchi per un incontro caratterizzato da ascolti, filmati e parole sulla vita e l’opera di Thelonious Monk di cui quest’anno si celebra il centenario dalla nascita.
Ultimo imperdibile appuntamento mercoledì 31, sempre a Palazzo Cà dei Ricchi, con il Tinissima quartet di Francesco Bearzatti, una delle formazioni più sorprendenti e affiatate emerse in Italia negli ultimi anni.
Tutte le info e il programma completo sul sito www.trevisosuonajazz.it, i biglietti per i concerti al chiuso sono acquistabili presso Mezzoforte cd, in via Pascoli 11 a Treviso, fino al giorno 20 maggio.

-- Download Treviso Suona Jazz as PDF --


Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers: